La casa di carta

La casa di carta
post img

È su Netflix la serie più amata, discussa, divisiva del momento: La casa di carta. Creata da Álex Pina, già mente dietro i format di successo da cui hanno preso ispirazione i nostri Le Iene e I Cesaroni, sta tenendo tutti incollati agli schermi. Ecco i 5 ingredienti che l’hanno resa un cult.

  1. La trama ruota attorno alla più classica delle rapine, ma come non se n’erano mai viste prima. Perché i criminali, capeggiati dal brillante Professore (Álvaro Morte), non si limitano a rubare dei soldi: il loro piano è entrare dentro la Zecca di Madrid per stampare direttamente i milioni di euro con cui puntano a fuggire. Inutile dire che non sarà così facile.
  2. I personaggi sono diventati delle vere icone. Non solo per la scelta di attribuire loro nomi di città internazionali, da Berlino a Mosca, o per il look che sfoggiano, ovvero tuta rossa e maschera di Dalí sul volto. Ciò che tiene lo spettatore attaccato alla vicenda è la forza dimostrata durante l’azione. Tra i personaggi più amati ci sono Tokyo (Úrsula Corberó), la ragazza più tosta del gruppo, e Denver (Jaime Lorente), che mischia energia fisica e carattere romantico.
  3. La colonna sonora è già finita in tutte le playlist del momento. A cominciare dalla sigla, un vero tormentone: si intitola My Life Is Going On ed è scritta e cantata da Cecilia Krull, giovane cantautrice spagnola già famosa in patria. L’altro cult della colonna sonora è la nostra Bella ciao, determinante per la ribellione dei protagonisti.
  4. La casa di carta è un concentrato di Spagna, a partire dagli sviluppi dichiaratamente “da telenovela” che prende l’azione. La storia centrale è quella tra l’ispettrice Raquel Murillo (Itziar Ituño) e il Professore: le ragioni del cuore potranno mettere da parte i rispettivi ruoli di guardia e ladro?
  5. I colpi di scena si susseguono senza sosta: è questo il vero segreto della serie. Tutto quello che pensavi di sapere viene ribaltato puntata dopo puntata. Fino a un finale perfetto, che però resta aperto: la prossima stagione, già attesissima, è prevista per il 2019.