The Generi

The Generi
post img

Maccio Capatonda torna sul piccolo schermo. Con un nuovo format, che, con il suo concentrato di comicità stralunata e senza freni, ben inaugura la nuova collezione Generation di NOW TV, rivolta a un target giovane, composto principalmente da millennial, e caratterizzata da uno stile unconventional.

In The Generi, l’attore e regista si cimenta in un vero tour de force, che mischia gli stili e i generi cinematografici più diversi, dall’horror alla commedia, dall’erotico al fantasy.
Stavolta Marcello Macchia, questo il suo nome all’anagrafe, veste i panni di Gianfelice Spagnagatti, un quarantenne annoiato che da anni ha deciso di mettere da parte tutte le emozioni, isolandosi in una personale “comfort zone” e vivendo la sua esistenza solo passivamente. Tutto cambia all’improvviso quando si ritrova, per un caso assoluto, a viaggiare attraverso mondi inesplorati e inediti. Gianfelice riuscirà piano piano a non essere più un semplice spettatore, ma il vero protagonista della propria storia. Anzi, delle tante storie impreviste con cui dovrà fare i conti.

Dopo le esperienze sul grande schermo di Italiano medio e Omicidio all’italiana, The Generi riporta Maccio Capatonda alle atmosfere degli sketch che l’hanno reso celebre: i trailer riveduti e “scorretti” che spaziavano in ogni campo del cinema. Tanto che, anche in questi otto episodi, fanno la loro apparizione nomi cari all’immaginario dell’autore: da Herbert Ballerina (Luigi Luciano) a Ektor Baboden (Luca Confortini), fino al leggendario Rupert Sciamenna (Franco Mari). Oltre a una serie di nomi “cult” della commedia italiana di ieri e di oggi, a impreziosire questo viaggio folle e divertentissimo: i veterani Nino Frassica e Alvaro Vitali, ma anche i giovani Fabrizio Biggio e Rovazzi.