Ready Player One: il nuovo capolavoro sci-fi di Spielberg

Ready Player One
post img

A 71 anni di età, Steven Spielberg si riconferma uno degli autori più geniali in circolazione. Nella stessa stagione in cui ha presentato il drammatico The Post con Tom Hanks e Meryl Streep (candidato a 2 premi Oscar), eccolo tornare con una delle sue opere di fantascienza più sorprendenti e riuscite. Ovvero Ready Player One, titolo Warner adesso visibile su PS Video attraverso due modalità: acquisto digitale dall’11 luglio; noleggio digitale dal 19 luglio.

Siamo nel 2045, anno in cui la Terra è diventata un luogo sempre più inquinato, povero e sovrappopolato. Gli esseri umani sono costretti a vivere in sterminate baraccopoli dove non esiste nessuna speranza, se non una fuga illusoria dalla realtà che permette di sognare di tanto in tanto. Si tratta della piattaforma virtuale OASIS, un universo alternativo ispirato agli anni ’80 e creato dal visionario James Donovan Halliday (Mark Rylance, Oscar come miglior attore non protagonista per Il ponte delle spie, sempre di Spielberg). Lì fugge anche il protagonista Wade (Tye Sheridan), un adolescente nerd da sempre fan di Halliday. Proprio quando si trova sulla piattaforma sotto forma del suo avatar Parzival, viene a conoscenza della morte di Halliday. Che però lascia in cambio una ricca eredità: chi saprà svelare il mistero celato negli “Easter egg” del gioco vincerà una caccia al tesoro milionaria. Wade/Parzival si mette alla ricerca della soluzione insieme a Samantha (Olivia Cooke), nota su OASIS col nome di Art3mis. Che la corsa abbia inizio…

 

Il film è tratto dal romanzo di culto omonimo di Ernest Cline, che ha anche contribuito alla sceneggiatura. Ne esce una pellicola dal ritmo forsennato, capace di ribaltare gli stili e i punti di vista ad ogni scena e di innovare ancora una volta il connubio tra realtà e mondo digitale. Tutto questo grazie a una tecnica eccezionale e alla regia da maestro di Steven Spielberg, che sfrutta l’occasione per rendere omaggio ad alcuni cult del passato. A cominciare da una sequenza ispirata a Shining di Stanley Kubrick che lascerà tutti a bocca aperta.