Orange è il colore della rivoluzione

Orange Is The New Black
post img

Le detenute più pazze e divertenti d’America tornano su Netflix. Dalla fine di luglio sarà disponibile sulla piattaforma la sesta stagione di Orange Is the New Black, la serie cult sulle “ospiti” del fantomatico penitenziario di Litchfield.

Dove eravamo rimasti? Alla fine della stagione numero 5, le prigioniere cercavano di attuare la loro rivolta nel carcere. Una sommossa che veniva presto sedata dalle forze dell’ordine inviate all’interno del penitenziario, con conseguenze diverse per ciascuno dei personaggi più amati. Dieci di loro, tra cui le protagoniste Piper (Taylor Schilling), Alex (Laura Prepon) e Nicky (Natasha Lyonne), si erano rifugiate nel bunker di Frida, ma i reparti mandati a risolvere la situazione le avevano prontamente scovate. Ora il destino di ogni prigioniera, assegnata a nuovi e differenti luoghi di detenzione, è appeso al caso. Quelle come Suzanne detta “Crazy Eyes” (Uzo Aduba) e Tasha più nota come “Taystee” (Danielle Brooks), che volevano a tutti i costi una rivoluzione, riusciranno a ribellarsi di nuovo?

 

 

Giunta alla sesta stagione, la serie creata da Jenji Kohan non ha perso lo smalto originale, anzi: è più in forma che mai. Merito del cast sempre in stato di grazia e di una scrittura che mischia umanità e ironia, senza mai fallire un colpo. Il nuovo appuntamento con Piper e le sue compagne di cella prende una virata che profuma quasi di horror: la violenza dei carcerieri contro le detenute ribelli si farà ancora più severa…

Orange Is the New Black resta uno dei titoli più apprezzati dal pubblico tra quelli prodotti da Netflix, e anche uno dei più premiati dalla critica. Nel corso dei suoi sei anni di vita ha guadagnato 2 Emmy Award, 4 Critics’ Choice Television Award e 5 Screen Actors Guild Award, oltre a 6 nomination ai Golden Globe. La strada del capitolo 6 sembra già costellata di altrettanti successi…