La due ruote di Francia infiamma l’estate

Tour de France
post img

Non c’è corsa che un ciclista non sogni di vincere almeno una volta nella vita più del Tour de France. Chilometri e chilometri di strade d’Oltralpe fino al sogno della maglia gialla da indossare all’ombra della Tour Eiffel, dopo aver tagliato il traguardo finale. Il Tour del 2018, trasmesso come da tradizione da Eurosport dal 7 luglio (Live Eurosport 1, a partire dalle 13.00 circa), alza il sipario a Noirmoutier-en-l’Île, nella placida regione dei Paesi della Loira, per poi percorrere tutte le frazioni della cosiddetta Grand Boucle (Grande Anello), fino al maestoso arrivo sugli Champs-Élysées a Parigi, dove verrà incoronato il campione della gara numero 105.

Tantissime le tappe lungo il percorso, dalla città di Roubaix, nell’antica provincia delle Fiandre francesi, alla scalata dell’Alpe d’Huez, popolare stazione sciistica delle Alpi francesi, fino al Col de la Madeleine, altra località di montagna con la sua vetta di quasi 2.000 metri.

A dare battaglia lungo il percorso ci sarà in primis il britannico Chris Froome, vincitore dell’ultimo Giro d’Italia e ora deciso ad aggiungere il quinto titolo francese alla sua bacheca già ricchissima di medaglie. A non rendergli la vita semplice c’è un vero e proprio “parterre de rois” delle due ruote, che schiera campioni di tutte le nazionalità: dal colombiano Nairo Quintana allo spagnolo Mikel Landa, passando per l’olandese Tom Dumoulin, il francese Romain Bardet e naturalmente l’italiano Vincenzo Nibali, che prova a bissare quest’anno la vittoria già ottenuta al Tour de France nel 2014.