Tempo di Europa League: la sfida delle italiane

UEFA Europa League
post img

La UEFA Europa League entra nel vivo. La seconda giornata della competizione sarà già una tappa importante per tutte le squadre che vogliono arrivare alla finale del 29 maggio allo Stadio Olimpico di Baku, in un crescendo di gare avvincenti da seguire passo dopo passo su NOW TV.

A cominciare dalle partite che coinvolgono le italiane. Il Milan di Gennaro Gattuso, capolista del Gruppo F, sfiderà in casa l’Olympiacos di Atene. L’ultimo confronto diretto tra le due squadre nelle competizioni UEFA risale a 59 anni fa. Era anche la prima gara europea assoluta dell’Olympiacos. Tornando ai giorni nostri, il team milanese ha iniziato con il piede giusto la nuova avventura in Europa League, strappando una vittoria per 1 a 0 alla lussemburghese Dudelange. Ma la strada verso la finale non è mai in discesa, a maggior ragione se si considera la forma recente dei rossoneri in Serie A.

Tra le italiane pronte a dar battaglia sul campo, c’è grande interesse anche nei confronti della Lazio di Simone Inzaghi, che, in una sfida del tutto inedita, affronterà l’Eintracht di Francoforte per volare in testa al Gruppo H. Il team romano è alla sua settima avventura in UEFA Europa League e in passato è riuscito ad arrivare solo ai quarti di finale (nella stagione 2012/2013 e lo scorso anno). Durante questa tornata ce la farà a migliorarsi e addirittura a raggiungere il traguardo più importante?

Italiane a parte, la seconda giornata vede in campo anche le due squadre scozzesi più blasonate: il Celtic, impegnato a Salisburgo, e i Rangers, che ospitano il Rapid Vienna, forti della presenza in panchina dell’ex capitano del Liverpool Steven Gerrard.

Da non dimenticare nemmeno i record, più o meno sportivi, che verranno raggiunti in questo turno: se da un lato Mesut Özil (Arsenal) e Branislav Ivanović (Zenit) si apprestano a far segnare la 100esima presenza nelle competizioni UEFA per club, dall’altra l’Arsenal compirà la trasferta più lunga della sua storia: 4000 km per arrivare a Baku!

Gli stessi chilometri che tutte le squadre sperano di dover percorrere il 29 maggio, per arrivare allo Stadio Olimpico di Baku e alzare il trofeo più pesante tra quelli dell’UEFA.