Chiamatemi Annabelle, vi ucciderò

Annabelle 2 - Creation
post img

La bambola più paurosa del cinema horror contemporaneo è pronta a colpire di nuovo. Per ben 30 giorni, su Infinity.

Annabelle 2 – Creation è il secondo spin-off della fortunatissima (e spaventosissima) saga di The Conjuring, inaugurata con il primo film cinque anni fa e da allora campione di incassi. L’ultimo capitolo continua a mettere paura come l’originale…

Tutto ha inizio con la distruzione di un orfanotrofio e l’urgenza del gruppo di giovani ospiti di trovare un nuovo tetto sotto cui vivere. Charlotte (la rivelazione Stephanie Sigman) e le sue compagne vengono accolte nella maestosa villa di un fabbricante di bambole (Anthony LaPaglia) e di sua moglie (Miranda Otto). Le ragazzine sono felici di vivere in un castello che sembra fatato, popolato da pupazzi di ogni tipo. Ma ben presto si accorgeranno che, più che sogni, quel posto genera incubi: dalle presenze che sembrano aggirarsi di notte per i lunghissimi corridoi ai rumori sinistri che provengono dalla stanza proibita, che il padrone di casa ha ordinato di non visitare mai… Chi abita dietro quella porta?

 

 

Considerato dalla critica internazionale uno dei capitoli più riusciti della saga e premiato dal pubblico di tutto il mondo con un grande successo al botteghino (oltre 300 milioni di dollari di incasso totale), Annabelle 2 – Creation deve la sua forza orrorifica al regista David F. Sandberg, già autore del cult Lights Out – Terrore nel buio e subito eletto tra i giovani maestri del genere.

Questo film non deluderà i fanatici degli horror movies, ma serve un’avvertenza per i più timorosi: la bambola posseduta Annabelle fa davvero fare i salti sulla poltrona. Siete pronti?