Tarzan: ritorno alle origini

The legend of Tarzan
post img

L’uomo più celebre della foresta torna in una nuova, mirabolante avventura. Una sorta di sequel di tutti i capitoli precedenti, ma anche una nuova pagina capace di riscriverne il mito. È The Legend of Tarzan, disponibile dal 18 novembre su Infinity.

L’eroe a tutti noto come Tarzan (interpretato da Alexander Skarsgård) vive ora in Inghilterra e ha preso il nome di John Clayton III, Lord di Greystoke. Accanto a lui c’è la moglie, la famosa Jane (Margot Robbie) conosciuta ai tempi in cui era ancora un selvaggio.

Quando Tarzan, in virtù della sua esperienza in materia di continente africano, viene inviato dal Parlamento britannico in Congo come emissario per i traffici commerciali, ecco che la sua vita ormai aristocratica incontra le sue antiche radici. Con lui viaggia George Washington Williams (Samuel L. Jackson), un afroamericano che ha combattuto contro il Sud schiavista degli Stati Uniti e che si batte ora per la liberazione dell’Africa. Molto presto però Tarzan scoprirà che, celate dietro a quella missione, ci sono in realtà le mire del capitano belga Leon Rom (il due volte premio Oscar Christoph Waltz), la cui avidità porterà a una escalation di violenza inaudita.

Ispirato ai classici romanzi di Edgar Rice Burroughs, The Legend of Tarzan ha il grande respiro dei classici di avventura di un tempo, ma aggiorna l’azione e gli effetti speciali al cinema contemporaneo. Merito del regista Davis Yates, autore degli ultimi titoli della saga di Harry Potter e più di recente di Animali fantastici e dove trovarli. E dei due attori protagonisti, tra i volti più lanciati del cinema e della TV di oggi: da Alexander Skarsgård, qui tutto muscoli e lontano dai drammi di Big Little Lies, a Margot Robbie, dopo The Wolf of Wall Street e Tonya sempre più carismatica in ogni ruolo che si ritrova a interpretare.

L’alchimia tra i due interpreti fa davvero scintille!