Sabrina, la strega millennial

Le terrificanti avventure di Sabrina
post img

La strega teenager più amata degli anni Novanta torna in un nuovo reboot, già pronto a conquistare in tutto il mondo intere folle di adolescenti di oggi. È Le terrificanti avventure di Sabrina, ora disponibile su Netflix. Tra nostalgia e spirito millennial.

Sabrina Spellman (la diciannovenne Kiernan Shipka, lanciata da bambina dalla serie cult Mad Men: era la figlia di Don Draper/Jon Hamm) è all’apparenza una normale teenager di oggi, con una routine che sembra del tutto priva di sorprese: va a scuola, esce con le sue migliori amiche e ha un tenero fidanzato di nome Harvey (Ross Lynch).

Ma dentro di sé nasconde un lato che nessuno conosce, a parte le eccentriche zie Hilda (Lucy Davis) e Zelda (Miranda Otto): è infatti una “mezzosangue” strega, e proprio per questo si ritrova spesso a fronteggiare le forze oscure che minacciano lei e i suoi cari. La sua vita di tutti i giorni verrà completamente travolta da questa missione.

Perfettamente sospeso tra horror e teen movie, Le terrificanti avventure di Sabrina segna una inedita ed entusiasmante pietra miliare nella tradizione del fantasy per ragazzi. Lo spirito dell’originale andato in onda dal 1996 al 2003, in cui la protagonista aveva il volto di Melissa Joan Hart, non è affatto tradito, anche grazie a ritorni di culto come quello del mitico gatto nero di nome Salem. Ma le trovate della versione di oggi sono moltissime, a cominciare dall’arrivo sulle scene di un nuovo villain: ovvero Padre Blackwood, interpretato da Richard Coyle.

Il risultato è «una serie con grandissime potenzialità, e con una giovane eroina capace di crescere di puntata in puntata», come ha scritto la “bibbia” Variety.

Tremate (e divertitevi): la strega è tornata!