Azione e sorprese col maestro Clint

Attacco al treno
post img

Uno dei maestri del cinema americano contemporaneo torna con un film decisamente sorprendente. Con Ore 15:17 – Attacco al treno, ispirato a un incredibile caso di cronaca vera, Clint Eastwood, stavolta solo in veste di regista, mette a segno una delle sue opere più sperimentali, disponibile su Infinity Premiere dal 14 dicembre, per 7 giorni. Ecco perché.

È il 21 agosto del 2015 quando tre marines statunitensi, reduci dal loro servizio nell’esercito e in viaggio in Europa durante il periodo di licenza, prendono il treno che da Amsterdam li porterà a Parigi. Poco dopo la partenza dalla fermata a Bruxelles, un terrorista belga di origine marocchina, Ayoub El Khazzani, esce da una delle toilette in cui si era nascosto per compiere una strage a colpi di kalashnikov. I tre ragazzi, che viaggiavano pensando di essere dei semplici turisti, riuscirono a neutralizzare l’assalto del terrorista e a sventare quello che sarebbe stato un attentato ben più grave. La loro prontezza e capacità è stata così eroica da meritare loro la Legione d’onore francese, conferita dall’allora Presidente della Repubblica François Hollande.

Ciò che rende unico il film è la scelta di Clint Eastwood di affidare il ruolo dei tre protagonisti ai veri ragazzi che compirono quell’impresa: e cioè Anthony Sadler, Alex Skarlatos e Spencer Stone. Sapere che dietro i personaggi ci sono i protagonisti reali produce un mix di realtà e finzione come raramente si è visto al cinema e rende ancora più palpabile l’emozione. A ciò si aggiunge la sapienza del grande regista nel creare suspense e tensione, in un crescendo di adrenalina che non dà tregua.

Ore 15:17 – Attacco al treno è il film che forse non ti aspetti da Clint Eastwood: ma, al tempo stesso, non lo dimenticherai facilmente.