Pacific Rim: nuova generazione

Pacific Rim - La rivolta
post img

In principio fu Guillermo del Toro. Che con il primo Pacific Rim ha confezionato uno dei blockbuster sci-fi più visionari degli ultimi tempi. Il sequel, finito nelle mani di Steven S. DeKnight, riconferma il fascino dell’universo che unisce alta tecnologia alla tradizione dell’universo anime e manga che ha fatto da ispirazione. È Pacific Rim – La rivolta, da vedere su Infinity (ci sono ben 30 giorni a disposizione per farlo)!

Protagonista del film è il giovane Jake Pentecost (John Boyega, l’amatissimo Finn della nuova trilogia di Star Wars), figlio del mitico Stacker (Idris Elba), che ha sacrificato la sua vita per assicurare la salvezza della Terra dai mostruosi Kaiju. Finito in giri criminali, Jake avrà la sua occasione di riscatto quando viene richiamato come pilota di Jaeger, ruolo per cui si era addestrato in passato.

Accanto a lui c’è Mako Mori (Rinko Kikuchi), a capo di una nuova generazione di piloti che si impegna a una nuova missione contro le terribili creature che vogliono impadronirsi del pianeta. Oltre a tanti altri compagni di squadra: dallo storico rivale Lambert (Scott Eastwood) alla hacker Amara (Cailee Spaeny), tutti in prima linea per difendere l’umanità dai Kaiju.

Pacific Rim – La rivolta resta stabile sulle fondamenta dell’originale, ma riparte da zero, proponendo una nuova lettura e una nuova classe di eroi. E punta sui nomi della nuova Hollywood: dal regista Steven S. DeKnight, già dietro numerose serie televisive di successo (Buffy l’ammazzavampiri, Smallville, Spartacus) e dal 2014 showrunner del cult “made in Marvel” Daredevil per Netflix; a tutti i giovani volti che affollano il cast, testimoni del grande cambiamento multietnico che sta investendo di recente il cinema a stelle e strisce. E ovviamente non mancano azione ed effetti speciali, tra i migliori visti sullo schermo nel corso dell’ultima stagione.

I mostri sono arrivati: si parte!