The Bridge: pronti per il gran finale?

The Bridge 4
post img

Dalla Scandinavia… con tensione. La quarta stagione di The Bridge, la serie nordica diventata un vero e proprio cult a livello internazionale, promette un altro racconto thriller ad alto tasso di adrenalina e colpi di scena. E l’attesa è particolarmente alta soprattutto per una ragione: sarà il capitolo conclusivo del poliziesco di produzione danese-svedese più amato del mondo, oggi disponibile su NOW TV.

Riuscirà l’eroina Saga Noren (interpretata da Sofia Helin) a portare a termine la sua ultima, difficilissima indagine? Il creatore della serie Hans Rosenfeldt ha già promesso che il caso finale «fermerà il cuore degli spettatori e metterà alla prova il rapporto professionale ma anche personale tra i personaggi principali».

Oltre alla svedese Saga del commissariato di Malmö, al centro dell’azione c’è anche il suo partner Henrik Sabroe (Thure Lindhardt), capo della divisione di Copenaghen, che si unisce ancora una volta a lei per risolvere la delicatissima missione sul “ponte” tra i due stati. Ancora più delicata se si considera il finale della terza stagione, che metteva seriamente a rischio il futuro della protagonista: Saga era stata accusata di aver ucciso sua madre, il che lasciava presagire la sua rimozione dalle forze dell’ordine.

The Bridge 4 ricomincia a due anni di distanza da quei drammatici eventi e rimette tutto in discussione, scegliendo svolte sorprendenti per i destini di tutti i protagonisti. Una tragedia, difatti, investe anche il detective Henrik, che deve fare ancora i conti con la sua famiglia scomparsa da molto tempo.

La serie ha già debuttato lo scorso anno con grande successo in patria e nel Regno Unito, dove è diventata un appuntamento cult, tanto che per il mercato anglosassone ne sono stati tratti addirittura due rifacimenti: uno americano con protagonista Diane Kruger (intitolato sempre The Bridge) e uno di produzione franco-inglese sullo sfondo della Manica (The Tunnel). Ora anche il pubblico italiano può dirsi finalmente pronto a salutare per sempre gli eroi scandinavi più tosti del piccolo schermo.