Suburra: si ricomincia!

Suburra | Seconda Stagione
post img

Dove eravamo rimasti? Alle tre giovani “promesse” della Roma criminale che stringono un patto per avere per sempre il controllo sulla città. Tutto questo è Suburra – La serie, ispirata al film di Stefano Sollima del 2015 e ora capace di volare da sola: su Netflix arriva la seconda stagione ed è già febbre.

Al centro dell’intreccio che unisce piccoli crimini di tutti i giorni alle grandi trame di Mafia Capitale ci sono ancora loro: Aureliano Adami (Alessandro Borghi), gangster che controlla la piazza di Ostia e ha ambizioni più grandi dei traffici che gli ha lasciato in eredità il padre; Alberto Anacleti detto “Spadino” (Giacomo Ferrara), discendente di un clan Sinti che vuole smarcarsi dalla propria famiglia; e Lele Marchilli (Eduardo Valdarnini), figlio di un poliziotto che, per un debito contratto con un boss locale, si trova invischiato in giri più grandi (e pericolosi) di lui.

Attorno ai tre ragazzi si muovono i volti di una Roma livida e corrotta: il temibile Samurai (Francesco Acquaroli) con le sue mani che cercano di afferrare tutte le zone e gli interessi capitolini; la doppiogiochista Sara Monaschi (Claudia Gerini) alle prese con il dark side del Vaticano; l’idealista Amedeo Cinaglia (Filippo Nigro) che sfrutta la sua posizione di consigliere comunale per il bene suo più che della comunità.

Le pedine sono tutte sul tavolo e la seconda stagione di Suburra – La serie le farà scontrare tra loro ancora più apertamente. Da successo nazionale a piccolo caso arrivato grazie a Netflix in molti Paesi del mondo, questo titolo è pronto ad appassionare ancora di più i fan e ad allargare il suo pubblico. Merito dei giovani interpreti ora diventati star (su tutti il bravissimo Alessandro Borghi) e della regia ad alta dose di action affidata ad Andrea Molaioli, già al timone di alcune puntate della prima stagione, e alla new entry Piero Messina.